Home / medicina / La ricerca mostra come l’intelligenza artificiale può aiutare a ridurre l’uso di oppioidi dopo l’intervento chirurgico

La ricerca mostra come l’intelligenza artificiale può aiutare a ridurre l’uso di oppioidi dopo l’intervento chirurgico

La ricerca condotta il mese scorso dalla University of Pennsylvania School of Medicine ha dimostrato come l’intelligenza artificiale (AI) possa essere utilizzata per combattere l’abuso di oppioidi. Si è concentrato su un chatbot che ha inviato promemoria ai pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per riparare le principali fratture ossee.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Medical Internet Research .

Christopher Anthony, MD, è l’autore principale dello studio e il direttore associato di Hip Preservation presso Penn Medicine. È anche assistente professore di Chirurgia Ortopedica.

“Abbiamo dimostrato che l’utilizzo di farmaci oppioidi potrebbe essere ridotto di più di un terzo in una popolazione di pazienti a rischio erogando psicoterapia tramite un chatbot”, ha detto. “Anche se deve essere testato con indagini future, riteniamo che i nostri risultati siano probabilmente trasferibili ad altre popolazioni di pazienti”.

Uso di oppioidi dopo l’intervento chirurgico
Gli oppioidi sono un trattamento efficace per il dolore a seguito di un grave infortunio, come un braccio o una gamba rotta, ma la grande prescrizione di farmaci può portare a dipendenza e dipendenza per molti consumatori. Questo è ciò che ha causato la principale epidemia di oppioidi negli Stati Uniti.

Il team di ricercatori ritiene che un approccio incentrato sul paziente con l’uso del chatbot AI possa aiutare a ridurre il numero di oppioidi assunti dopo tali interventi chirurgici, che può essere uno strumento utilizzato contro l’epidemia.

Quei ricercatori includevano anche Edward Octavio Rojas, MD, che è residente in Chirurgia ortopedica presso gli ospedali e le cliniche dell’Università dello Iowa. I coautori includevano: Valerie Keffala, PhD; Natalie Ann Glass, PhD; Benjamin J. Miller, MD; Mathew Hogue, MD; Michael Wiley, MD; Matthew Karam, MD; John Lawrence Marsh, MD e Apurva Shah, MD.

L’esperimento
La ricerca ha coinvolto 76 pazienti che hanno visitato un Trauma Center di livello 1 presso gli ospedali e le cliniche dell’Università dell’Iowa. Erano lì per ricevere cure per fratture che richiedevano un intervento chirurgico e quei pazienti sono stati separati in due gruppi. Entrambi i gruppi hanno ricevuto la stessa prescrizione di oppioidi per il trattamento del dolore, ma solo uno dei gruppi ha ricevuto messaggi di testo giornalieri dal chatbot automatico.

Il gruppo che ha ricevuto messaggi di testo potrebbe aspettarne due al giorno per un periodo di due settimane dopo la procedura. Il chatbot automatizzato si è basato sull’intelligenza artificiale per inviare i messaggi, che sono usciti il ​​giorno dopo l’intervento. I messaggi di testo sono stati costruiti in modo da aiutare i pazienti a concentrarsi su come affrontare meglio il farmaco.

I messaggi di testo, creati da uno psicologo del dolore specializzato in terapia del dolore e dell’impegno (ACT), non erano direttamente contrari all’uso del farmaco, ma tentavano di aiutare i pazienti a pensare a qualcosa di diverso dall’assumere una pillola.

Sei principi fondamentali
I messaggi di testo potrebbero essere suddivisi in sei “principi fondamentali”: valori, accettazione, consapevolezza del momento presente, sé come contesto, azione impegnata e diffusione.

Un messaggio in base al principio di accettazione era: “le sensazioni di dolore e le sensazioni sulla tua esperienza di dolore sono normali dopo l’intervento chirurgico. Riconosci e accetta questi sentimenti come parte del processo di recupero. Ricorda come ti senti ora è temporaneo e il tuo processo di guarigione continuerà. Richiama alla mente sentimenti o pensieri piacevoli che hai provato oggi. ”

I risultati hanno mostrato che i pazienti che non hanno ricevuto i messaggi automatizzati hanno assunto, in media, 41 pillole di oppioidi dopo gli interventi chirurgici, mentre il gruppo che ha ricevuto i messaggi ha una media di 26. La differenza del 37% è stata impressionante e anche quelli che hanno ricevuto messaggi hanno riferito meno dolore generale due settimane dopo l’intervento.

I messaggi automatici non erano personalizzati per ogni individuo, il che dimostra il successo senza un’eccessiva personalizzazione.

“Un obiettivo realistico per questo tipo di lavoro è ridurre l’utilizzo di oppioidi al minor numero possibile di compresse, con l’obiettivo finale di eliminare la necessità di farmaci oppioidi nel contesto della cura delle fratture”, ha detto Anthony.

Lo studio ha ricevuto finanziamenti da una sovvenzione dalla Orthopaedic Trauma Association.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi