La corsa alla creazione di computer quantistici in grado di fornire miglioramenti significativi alle imprese sta accelerando. Tra coloro che guidano la carica c’è una startup francese che crede di aver trovato un modo per raggiungere la scala e la potenza per rendere utile il calcolo quantistico.

Fondata nel 2019, Pasqal sfrutta la tecnologia sviluppata presso l’Institut d’Optique di Palaiseau, in Francia, e si basa su un processo chiamato “atomi neutri”. Secondo il cofondatore e CEO Georges-Olivier Reymond, questa tecnica ha permesso all’azienda di costruire processori fino a 200 qubit, avvicinandosi sempre di più all’ambito vantaggio quantistico.

 
“Abbiamo dimostrato che la potenza di calcolo quantistico è qui”, ha detto Reymond. “Il prossimo passo è fornirlo, il che significa costruire dispositivi, sviluppare un’offerta di quantum computing come servizio e fornire la potenza sul cloud”.

 
L’azienda è la perdente in un’arena sempre più affollata che include pesi massimi come Google e IBM.

Corsa verso il traguardo
L’anno scorso, ad esempio, IBM ha elaborato un’ambiziosa roadmap quantistica che include il debutto del suo processore IBM Quantum Eagle da 127 qubit entro l’anno e un processore da 1.000 qubit entro il 2023. La startup IonQ ha annunciato un nuovo computer quantistico da 32 qubit disponibile in versione beta privata. Ottobre.

Quindi, quando Pasqal afferma di avere un processore da 200 qubit, non è cosa da poco. Questi progressi hanno portato a una partnership alla fine dello scorso anno con Atos , che sta incorporando la tecnologia di Pasqal nei propri sforzi di calcolo quantistico per accelerarne l’uso con i clienti aziendali.

Inoltre, Reymond ha affermato di aver già venduto due unità di elaborazione quantistica a centri di calcolo ad alte prestazioni.

L’azienda sta facendo questi progressi attraverso il processo degli “atomi naturali”. In molti computer quantistici, gli atomi sono ionizzati, il che significa che sono carichi e più difficili da posizionare in uno stato stabile. I computer quantistici possono utilizzare molta energia e richiedono ambienti super cool per rendere gli atomi in uno stato in cui possono elaborare i dati.

L’uso di atomi neutri richiede meno energia ed evita la necessità del congelamento profondo, ha affermato Reymond. La capacità di posizionare gli atomi in vari stati bi e tridimensionali consente ad alcuni clienti aziendali di eseguire attività come la simulazione quantistica e l’ottimizzazione.

L’azienda è ora concentrata sulla costruzione di computer quantistici per i clienti on-premise, nonché su un servizio quantistico basato su cloud che consentirebbe alle aziende di iniziare a sperimentare la tecnologia. IBM utilizza già da diversi anni un simile approccio basato su cloud e on-premise .

Avanti a tutto vapore
Per rafforzare questi sforzi, la società ha appena raccolto 30,5 milioni di dollari in un round guidato da Quantonation, una società di venture capital che si concentra sul quantum, e dal Defense Innovation Fund gestito dalla banca statale francese Bpifrance. Altri partecipanti al round includevano Runa Capital, Daphni ed Eni Next. Anche il Fondo del Consiglio europeo per l’innovazione (EIC) aveva precedentemente annunciato che avrebbe sostenuto Pasqal.

Mentre c’è stato un solido dibattito sul fatto che l’aumento dei finanziamenti per le startup quantistiche sia giustificato – e proprio quando la tecnologia sarà davvero efficace – Reymond ha affermato che l’eccitazione è giustificata.

“Credo che sia realistico”, ha detto. “Vent’anni fa non avrei mai immaginato di creare un’azienda come Pasqal. Ora è qui. Posso vedere tutti i progressi ovunque. Mi dà davvero fiducia”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi