Home / Filosofia e IA / L’intelligenza aumentata è la migliore prospettiva sull’intelligenza artificiale?

L’intelligenza aumentata è la migliore prospettiva sull’intelligenza artificiale?

L’intelligenza aumentata è la migliore prospettiva sull’intelligenza artificiale?

Quando le persone pensano all’intelligenza artificiale, spesso pensano a ciò che le macchine dell’intelligenza possono fare da sole, senza interazione umana. Però. alcuni dei sistemi di IA più potenti e utili sono quelli che aiutano o aumentano le capacità umane. L’idea di sistemi di intelligenza artificiale che aumentano l’abilità umana è conosciuta come intelligenza aumentata. In un recente podcast di AI Today, il professor Tom Davenport del Babson College, consulente senior di Deloitte per le analisi e le pratiche di intelligenza artificiale e membro dell’iniziativa del MIT per l’economia digitale ha condiviso le sue prospettive sul potere dell’IA applicato all’intelligenza aumentata.

Per oltre vent’anni, il professor Davenport è stato professore, consulente e ricercatore su vari argomenti, principalmente analisi e big data. Inoltre, Davenport ha scritto numerosi libri incentrati sull’analisi, tra cui il coautore di “Solo gli esseri umani hanno bisogno di applicare: vincitori e perdenti nell’era delle macchine intelligenti” e “Il vantaggio dell’IA”. Come parte della stesura di questi libri, Davenport ha intervistato molte persone che stavano già utilizzando l’intelligenza aumentata.

Un’intuizione interessante non proviene dall’intelligenza artificiale, ma piuttosto da un’altra tecnologia che mirava a sostituire l’attività umana: il Bancomat. Quando gli sportelli bancomat sono stati istituiti per la prima volta negli anni ’80, c’era la preoccupazione diffusa che avrebbe eliminato i lavori dei banchieri ordinari e delle operazioni bancarie. Tuttavia, secondo Davenport, “Una delle mie statistiche preferite è che ora ci sono all’incirca lo stesso numero di cassieri bancari, come nel 1980 nonostante tutti gli sportelli bancomat, internet banking e altri cambiamenti simili”. Da questo punto di vista vede anche l’IA che non ha lo stesso tipo di effetti distruttivi sull’occupazione che molti potrebbero inizialmente supporre.

Dal punto di vista di Davenport, l’introduzione di una tecnologia che automatizza ed esegue compiti precedentemente svolti dagli esseri umani in realtà crea più posti di lavoro per le persone che impiegano del tempo per imparare come funzionano. Ad esempio, queste nuove macchine creano opportunità per tecnici e programmatori e settori completamente nuovi che sono abilitati dalla nuova tecnologia. Tuttavia, ha dichiarato “ci sono alcune preoccupazioni e ragioni per non essere compiacenti, rassicurare se stessi che i lavori non andranno via e disponibili per tutti potrebbe non essere vero, tuttavia, penso che la maggior parte delle situazioni avrà persone che lavorano lungo le macchine, se sono disposti a imparare “.

L’intelligenza artificiale e l’intelligenza aumentata sono un modo per aiutare gli umani a svolgere meglio i loro compiti e ad essere più efficienti. Pertanto, aiutare le persone a completare un compito in modo più semplice, rapido e utilizzando meno energia che altrimenti potrebbe essere spesa per svolgere un’altra attività. Il professor Davenport vede molti modi in cui l’IA ci sta aiutando a essere migliori nel portare a termine compiti o nel raggiungere obiettivi che altrimenti non sarebbero facili da raggiungere. Egli afferma nell’invertview, “I robot chirurgici sono progettati per aiutare i chirurghi con compiti, mentre i chirurghi mantengono il loro ruolo”. Tuttavia, ha anche affermato: “Credo che a volte sarà nostra responsabilità far funzionare meglio la macchina”. Pertanto, a seconda della situazione, gli esseri umani possono dipendere dalle macchine per rendere le attività più efficienti. Nel frattempo,

Affinché l’intelligenza artificiale funzioni correttamente, ha bisogno di dati puliti. Pertanto, il professor Davenport ritiene che il ruolo dei data scientist sia sempre più necessario. Ha scritto un articolo sull’argomento con l’attuale capo scienziato dei dati degli Stati Uniti, DJ Patel, chiamato ” scienziato dei dati, il lavoro più sexy del 21 ° secolo”. Ha intervistato diversi data scientist per l’articolo, affermando,” non c’era molto lavoro analitico in corso, piuttosto stava trovando dati e dati di pulizia in quanto questo è un grosso problema per quasi tutti i tipi di IA. “Inoltre, Davenport ha sottolineato che “al momento non abbiamo un titolo per coloro che lavorano specificamente con l’IA. Il ruolo dei data scientist era originariamente quello di lavorare con dati e analisi, e ci deve essere un nuovo termine per il ruolo di lavorare con l’IA. “In effetti, le persone stanno iniziando a pensare di più all’importanza dei dati e al ruolo dei dati che è necessario per far funzionare l’IA.

Inoltre, Davenport ha opinioni sul ruolo e la crescente necessità di regolamentazione nel contesto dell’IA. Ritiene che il governo federale abbia un ruolo da fornire negli Stati Uniti per la legislazione e le normative generali, ma come per la maggior parte delle questioni relative alla tecnologia, spetta davvero agli Stati e alle giurisdizioni locali mettere insieme pratiche pratiche basate su leggi e regolamenti su come l’IA sarà effettivamente utilizzata.

In generale, il professor Davenport è principalmente rialzista sul futuro dell’IA. Parla con molti dirigenti sull’argomento e crede che siano principalmente le applicazioni di intelligenza aumentata di tipo AI ristretto a dominare il tipo di applicazioni messe in pratica. Ha dichiarato che anche Jeff Bezos di Amazon ha notato nel suo azionista del 2017 che la maggior parte dell’apprendimento automatico stava migliorando silenziosamente i loro processi, piuttosto che usi ad alta visibilità e glamour dell’IA. Secondo Davenport, questo è il modo di andare verso compiti importanti, compiti minori e quelli che ci aiutano a vivere la nostra vita meglio e in modo più produttivo.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi