Il ventesimo secolo ha visto lo sviluppo di centinaia di linguaggi di programmazione, ma nel ventunesimo secolo, quando la maggior parte del mondo è su Internet, ce ne sono solo una manciata
 
Alla fine degli anni ’80, i linguaggi di programmazione ne generavano in media uno al mese e finora sono stati sviluppati circa 9.000 linguaggi di programmazione. Ma stranamente, negli ultimi tre anni, sono emersi solo tre linguaggi degni di nota, vale a dire: C++ 20, Microsoft Power Fx e Carbon. Questo fa sì che la media diventi una lingua all’anno in picchiata rispetto a una al mese! 

Perché il ventesimo secolo ha visto lo sviluppo di centinaia di linguaggi di programmazione, ma nel ventunesimo secolo, quando la maggior parte del mondo è su Internet, ce ne sono solo una manciata? Perché Javascript e Python, rilasciati decenni fa, sono ancora i preferiti dagli sviluppatori? 

E non è che Python e Javascript siano impeccabili; infatti, Python richiede più test e presenta errori di runtime dovuti alla tipizzazione dinamica del linguaggio. I suoi livelli di accesso al database non sono ben sviluppati e neanche il lato client dell’applicazione è eccezionale. Allo stesso modo, le sfide sono state incontrate dagli sviluppatori che utilizzano Javascript, vale a dire: la sua natura permissiva, la sicurezza lato client, la difficoltà del debug online e l’incoerenza del browser. Quindi cosa li fa spuntare?


Perché alcuni linguaggi di programmazione hanno raggiunto la popolarità di culto?
Linguaggi di programmazione come la popolarità di Python è in gran parte dovuta alla sua facilità d’uso. È un linguaggio di programmazione di alto livello con un focus su framework, librerie estese e codice leggibile. Inoltre, il fatto che sia open-source, con una struttura dati user-friendly che fornisca anche una facile integrazione con i servizi web, ha reso il linguaggio famoso tra gli sviluppatori. 

Allo stesso modo, anche Javascript è uno dei linguaggi di programmazione più popolari sul mercato. È un linguaggio di scripting ricco di funzionalità e basato su oggetti su cui sono costruiti quasi tutti i siti Web, poiché la maggior parte dei browser Internet è compatibile con Javascript. Inoltre, il linguaggio si è reso rilevante per l’ecosistema tecnologico in continua evoluzione introducendo massicci aggiornamenti, tanto che Javascript oggi è molto diverso dal Javascript del decennio precedente.

Ma perché i nuovi linguaggi di programmazione hanno smesso di spuntare?
Di più potrebbe non essere sempre più allegro quando si tratta di funzionalità del linguaggio di programmazione. Quando abbiamo più modi per descrivere la stessa idea, potrebbe creare confusione. Inoltre, in realtà non abbiamo bisogno di nuovi linguaggi di programmazione: gli sviluppatori sembrano aver deciso di essere più a loro agio nell’aggiornare il framework, piuttosto che creare un linguaggio completamente nuovo da zero. Krishna Rastogi , CTO, MachineHack ha dichiarato ad Analytics India Magazine : “Costruire un linguaggio di programmazione da zero è un processo che richiede tempo che può essere facilmente evitato semplicemente aggiornando il framework”.

Secondo Rastogi, la gara iniziale era quella di trovare i migliori compilatori. Poiché l’hardware non era troppo affidabile, gli sviluppatori dovevano cercare modi in cui la mancanza di capacità hardware potesse essere compensata con la sofisticatezza dei linguaggi di programmazione. “Ma una volta che l’hardware è diventato abbastanza buono, gli sviluppatori non hanno visto alcun motivo per sviluppare un linguaggio di programmazione solo per il gusto di svilupparlo”, ha affermato Rastogi. 

E poiché l’hardware era sufficientemente in grado di supportare il linguaggio di programmazione, la comunità è stata costruita attorno a quelli che si sono distinti, ad esempio Javascript e Python.

“Queste comunità sono cresciute così tanto che quasi tutti hanno iniziato a lavorare sul campo avendo imparato almeno uno di questi linguaggi di programmazione. Anche la maggior parte dei college inizia il corso con C, che è la Bibbia dei linguaggi di programmazione”, ha affermato.

Inoltre, poiché la maggior parte degli ingegneri parla correntemente questi linguaggi di programmazione, le aziende devono assumere solo lavoratori che lo siano. Poiché la curva di apprendimento è diventata così lunga, ora è praticamente impossibile sostituire totalmente i linguaggi di programmazione. “Tuttavia, le grandi aziende tecnologiche hanno il proprio stack e sono in grado di formare nuovi dipendenti su di esso. Google, ad esempio, ha recentemente rilasciato il suo nuovo linguaggio di programmazione, Carbon, mentre Facebook e Apple hanno lanciato rispettivamente Hack e Swift nel 2014.

Tuttavia, mentre i linguaggi di programmazione tradizionali potrebbero aver subito un rallentamento, Web3 promette di fare un’eccezione. Poiché l’ecosistema è nuovo, sono nati molti nuovi linguaggi di programmazione basati su Web3. “Stiamo sicuramente assistendo all’alba del Web3 e dei linguaggi di programmazione del calcolo quantistico nello spazio tecnologico. Solidity, Scala ed Elixir ne sono ottimi esempi”, ha concluso Rastogi.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi