Il nuovo servizio di generazione di immagini AI in Giappone suscita il dibattito. Gli artisti denunciano che il loro lavoro viene utilizzato per la generazione artistica dell’IA 

RADIUS5 ha rilasciato una versione beta del suo nuovo servizio di generazione di immagini basato sull’intelligenza artificiale “mimic” in Giappone il 29 agosto (JST). Per utilizzare il mimic, gli artisti caricano le proprie illustrazioni per essere analizzate dall’IA e il servizio genera nuove immagini con uno stile simile.

Per coincidenza, anche il generatore di immagini AI open source Stable Diffusion ha fatto notizia proprio l’altro giorno ( articolo correlato ), ma all’annuncio del rilascio del mimic, è scoppiato un dibattito tra i creatori in Giappone con RADIUS5 che ha sospeso temporaneamente il servizio il 30 agosto, solo un giorno dopo la sua uscita.


Oggi lanciamo mimic, un servizio di intelligenza artificiale che analizza le caratteristiche delle tue illustrazioni e genera immagini da esse! Il creatore di illustrazioni (generazione di immagini AI) può essere utilizzato gratuitamente due volte, quindi utilizzalo per consentire all’IA di studiare le tue illustrazioni!

Il concetto alla base dello sviluppo di Mimic è: “Non dovrebbe essere utilizzata l’IA per aiutare i creatori?” ed è stato creato per aiutare i creatori ad affrontare la varietà di problemi che devono affrontare. Il team dietro mimic propone che i creatori possano utilizzare l’IA per generare materiali di riferimento nel loro stile o utilizzarla come strumento di comunicazione sui social media e nelle comunità di fan. La versione beta include filigrane sulle immagini generate, ma in futuro è prevista l’aggiunta di una funzione per rimuoverle.

Il tweet di annuncio di rilascio per mimic ha ricevuto oltre 40.000 retweet e oltre 50.000 Mi piace al momento della stesura di questo articolo. Tuttavia, il 30 agosto, appena un giorno dopo il lancio, RADIUS5 ha twittato una dichiarazione in cui si diceva: “Dopo l’annuncio del servizio, i creatori che hanno collaborato allo sviluppo del mimic sono diventati oggetto di critiche e abusi sui social media” e ha chiesto con forza al pubblico astenersi da tale comportamento.

Quella sera, RADIUS5 ha proseguito con un’altra dichiarazione . A causa di misure insufficienti per impedire agli utenti di caricare immagini che non hanno i diritti di utilizzo, hanno sospeso il servizio ed eliminato tutte le immagini relative al creatore di illustrazioni. RADIUS5 afferma che è ancora prevista una versione ufficiale se saranno in grado di migliorare le misure contro l’uso improprio.

Ma come siamo arrivati ​​ai creatori che hanno collaborato subendo abusi online e il servizio è stato temporaneamente chiuso? Un fattore è probabile che, a differenza di altri generatori di immagini AI, il mimic richiede che venga fornita un’illustrazione già esistente. Una preoccupazione che molti illustratori e creatori affrontano quotidianamente è che il loro lavoro viene utilizzato senza autorizzazione. Se un utente imitatore prende un’immagine che non ha il permesso di utilizzare, l’arte generata dall’intelligenza artificiale che assomiglia allo stile del titolare dei diritti appropriato verrà realizzata senza che ne sia a conoscenza.

Ciò apre anche la possibilità che queste immagini vengano utilizzate all’insaputa dell’artista originale. Inoltre, alcuni critici hanno affermato che le immagini sono in definitiva generate dall’IA, quindi sarebbe difficile per i titolari dei diritti rivendicarle.

Naturalmente, i termini di utilizzo imitativi vietano di caricare il lavoro di altri e chiedono agli utenti di caricare solo il proprio lavoro o le illustrazioni di cui detengono i diritti. Dicono anche che i diritti sulle immagini generate appartengono al creatore dell’illustrazione originale. Nel caso in cui venga scoperta una violazione del copyright, i termini di utilizzo stabiliscono che adotteranno misure appropriate come la sospensione dell’account o la condivisione delle informazioni necessarie alle forze dell’ordine. Tuttavia, i critici affermano che solo perché è scritto non significa che possiamo aspettarci che non si verifichi un uso improprio.

Di conseguenza, oltre agli artisti che hanno “Nessun uso senza autorizzazione” e “Nessuna ripubblicazione” nei loro profili sui social media, c’è stato un aumento degli artisti che aggiungono anche “Nessun apprendimento dell’IA”. “AI学習禁止” (Nessun apprendimento dell’IA) ha persino iniziato a fare tendenza su Twitter in Giappone. Alle 18:00 del 30 agosto (JST), l’annuncio di rilascio del mimic conteneva circa 28.000 tweet di citazioni, molti dei quali erano creatori che affermavano di non utilizzare il loro lavoro nei software di apprendimento dell’IA. Ci sono stati anche creatori che hanno espresso come sono stanchi della crescente lista di cose che hanno da dire sono vietate nei loro profili.

Nonostante i termini di utilizzo imitativi proibiscano l’uso del lavoro di qualcuno senza autorizzazione, si potrebbe dire che dipende comunque dalla moralità dell’utente. Anche se i trasgressori potrebbero essere puniti legalmente, ci sono creatori che temono che una volta che un’opera viene analizzata dall’IA, non possa essere annullata.

Questa non è la prima volta che emergono preoccupazioni sull’analisi dell’IA, tuttavia, e anche quando Midjourney è apparso sulla scena, più di poche persone hanno condiviso le loro preoccupazioni sui dati su Internet analizzati per l’IA. In questo caso, si potrebbe dire che i problemi che le opere d’arte generate dall’intelligenza artificiale pongono agli artisti sono diventati ancora più evidenti.

Oltre alla violazione del copyright, molti creatori hanno espresso preoccupazione per la riduzione del loro valore nel tempo man mano che l’IA analizza il loro lavoro e si sviluppa ulteriormente. Inoltre, alcuni sono dell’opinione che l’arte generata dall’intelligenza artificiale danneggi il valore dell’arte nel suo insieme poiché manca del “calore” e “anima” che gli artisti mettono nel loro lavoro.


Non è l’intelligenza artificiale che prende parte ai lavori artistici, ma vedere le persone usare con nonchalance un’approssimazione del mio lavoro che non ho disegnato parte che avrebbe rotto la mia salute mentale al punto in cui non potevo disegnare. Questo probabilmente mi porterebbe a perdere il lavoro.

Ma questo non significa che nessun creatore accetti il ​​mimic e altri servizi basati sull’intelligenza artificiale, con alcuni che affermano che l’ascesa e lo sviluppo di questo tipo di intelligenza artificiale è inevitabile. mimic è stato sviluppato anche per assistere i creatori e, se usato correttamente, potrebbe essere uno strumento conveniente.

Il servizio è stato sospeso per imitazione dopo un solo giorno, ma come accennato in precedenza, hanno in programma di rilasciare una versione ufficiale se possono prevenire meglio l’uso improprio. Terremo d’occhio l’andamento di questi servizi in futuro.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi