Home / AI in Azienda / Tastewise tartup di intelligenza alimentare basata sull’intelligenza artificiale

Tastewise tartup di intelligenza alimentare basata sull’intelligenza artificiale

Un nuovo studio condotto da una “startup di intelligenza alimentare basata sull’intelligenza artificiale” afferma che gli operatori del ristorante stanno perdendo miliardi di vendite non servendo opzioni più salutari.

Una società con sede a Tel Aviv che utilizza l’intelligenza artificiale per fare previsioni nel settore alimentare dice che i ristoratori statunitensi stanno lasciando 9 miliardi di dollari sul tavolo non offrendo più verdure e opzioni alimentari salutari.

Tastewise , un nuovo sito web basato su abbonamento e “startup di intelligenza alimentare basata sull’intelligenza artificiale”, ha studiato 13 milioni di voci di menu, 1 milione di ricette e più di 250 milioni di conversazioni sui social media per determinare l’andamento attuale e le prospettive future.

Ad esempio, un rapporto Tastewise, pubblicato Mercoledì, dice che i consumatori a Boston, Fort Lauderdale e Washington, DC, divorerebbero $ 100 milioni in più nella cucina vegana se fosse disponibile. Nel frattempo, i commensali di San Antonio, Dallas e Seattle hanno fame di più “cibo artigianale” o “cibo artigianale che viene creato in un ambiente meno industriale”, secondo il rapporto.

Sulla base dei dati raccolti, i fondatori del sito affermano che ci sono $ 9 miliardi di richieste inutilizzate per alimenti sani negli Stati Uniti

Il rapporto etichetta tag come cibi “sani” vegani, vegetariani, puliti, keto, paleo, senza glutine, senza latticini, superalimenti, fatti a mano, biologici, ricchi di proteine; includere i probiotici; sono correlati alla fitness o alla perdita di peso; o sono sostenibili.

“Un aspetto della piattaforma Tastewise riflette lo stato attuale del settore”, ha detto il cofondatore Alon Chen, ex dirigente del programma Google’s Partners, in una risposta via email alle domande.

POTREBBE PIACERTI ANCHE
“Allo stesso tempo, l’accesso a dati e approfondimenti consente miglioramenti e innovazione. … Può aiutare [gli operatori del ristorante] a scoprire … verdure etniche con colori esotici che stanno attualmente aumentando “.

L’aumento della domanda di pizza senza glutine, forse con una crosta di cavolfiore, potrebbe segnalare una crescente domanda in una vasta gamma di prodotti alimentari, ha affermato.

Il rapporto Tastewise vede più verdure, ingredienti “esotici” che arrivano ai menu degli Stati UNITI

Chen ha cofondato Tastewise con Eyal Gao, un ingegnere autodidatta che in precedenza era stato responsabile della tecnologia per la versione israeliana di Reddit , chiamato Tapuz. Pico Venture Partners, con sede in Israele, ha investito $ 1,5 milioni.

Lo studio ha anche esaminato gli ingredienti che potrebbero arrivare a un piatto vicino a te, tra cui zhoug (un condimento senza zucchero, senza glutine comunemente usato nello Yemen), midollo osseo, tartufi e spam musubi. E c’è l’ube, noto anche come igname viola. Con la sua consistenza morbida e il sapore dolce, è spesso paragonato al cioccolato bianco e si presenta più frequentemente nel gelato. Tutti, dice il rapporto, “stanno diventando dei pilastri nei menu americani”.

L’azienda, che sta lavorando con una catena di hotel negli Stati Uniti e sta cercando di espandere la sua base clienti americana, spera di utilizzare i suoi dati per contribuire a configurare i futuri menu statunitensi.

La cifra di $ 9 miliardi dello studio deriva in parte dal confronto di quanto i consumatori parlano di mangiare sano a casa con quanto dicono di mangiare sano quando sono fuori città. E presume che se fossero offerte opzioni più salutari nei ristoranti locali, sarebbero state consumate. Quindi se lo cuocete, verranno.

I ricercatori hanno esaminato “quali aspetti nutrizionali e relativi alla salute erano di massima importanza per le persone quando cucinavano in casa – dove hanno il pieno controllo delle drogherie che acquistano e dei piatti che fanno – rispetto a quello che si prendono quando mangiano fuori”. Chen ha detto. Da ciò “siamo in grado di stimare il divario esistente nel mercato”.

Ma tradurre ciò che i consumatori dicono nei piatti che ordinano ha irritato i ristoratori per decenni.

Più di pochi ristoratori hanno aggiunto articoli “sani” ai loro menu, solo per scoprire che i consumatori non mordevano.

“Ciò che generalmente non attira più l’attenzione sui menu sono gli articoli low-cal, low-carb o qualsiasi cosa che in realtà dice ‘salutare'”, ha detto David Henkes, uno dei principali esperti della società di ricerca Technomic, Inc. con sede a Chicago.

“Gli operatori sono focalizzati sull’offrire prodotti naturali e freschi, spesso posizionati come biologici, prodotti localmente, ecc.”, Ha affermato. “Questi tipi di prodotti sono percepiti dai consumatori come” migliori per loro “, nonostante il fatto che non abbiano necessariamente attributi sani associati – è più una percezione”.

Il rapporto Trend di consumo alimentare sano 2018 di Technomic ha mostrato che il 45% dei consumatori afferma di mangiare cibi sani a casa, rispetto al 23% che ha affermato di scegliere le opzioni salutari mentre mangiano.

Lo studio ha incluso l’avvertenza “che i consumatori in genere pensano di mangiare più sano di quello che realmente fanno.”

E spesso, i consumatori vedono cenare fuori come un’occasione per concedersi il lusso e godere di un momentaneo piacere colpevole, mentalmente scambiando insalata di cavoli domani per un hamburger di bacon heart attack oggi.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi