Home / Filosofia e IA / Ti fidi di questo computer? Il film versione completa Do you trust this computer

Ti fidi di questo computer? Il film versione completa Do you trust this computer

Questo documentario approvato da Elon Musk si concentra sui bit sbagliati dell’IA

Questa recensione è stata pubblicata in aprile in concomitanza con una versione online speciale. Viene aggiornato in concomitanza con il ritorno al cinema nelle sale in versione limitata.

Ti fidi di questo computer? non è un orologio particolarmente sottile. Il documentario, del regista Chris Paine, è dedicato ai pericoli dell’intelligenza artificiale e, anche se non ha fatto scalpore nei teatri, è stato promosso con entusiasmo da Elon Musk, che ha twittato il film e pagato perché fosse trasmesso in streaming gratuitamente all’inizio di aprile. (Il musk appare anche nel documentario come una testa parlante.) Comincia bombardando gli spettatori con citazioni e grafici sfrenati di telefoni e cervelli. “Abbiamo un’intelligenza in rete che ci guarda, sa tutto di noi”, dice uno. “Il cambiamento sta arrivando e nessuno può fermarlo”, dice un altro. Sembra più un trailer di un cattivo film di fantascienza che un documentario su IA.

È un peccato, perché il campo dell’intelligenza artificiale ha disperatamente bisogno di discussioni pubbliche sfumate. Invece, ti fidi di questo computer? porta i telespettatori a una conferenza di vari argomenti relativi all’IA, tra cui l’automazione del lavoro, le armi autonome e le auto a guida autonoma, tutti illustrati con robot CGI e citazioni di ricercatori rispettati. Paine, che in precedenza ha diretto il documentario del 2006, Who Killed the Electric Car, ben accolto ? , sta cercando di fornire una panoramica ambiziosa della minaccia e del potenziale dell’IA, ma lo fa nello stesso modo in cui le immagini satellitari offrono una “buona panoramica” di dove hai lasciato le chiavi della tua auto. Non ci sono abbastanza dettagli per essere utili.

Prendiamo ad esempio la discussione del film sulla superintelligenza, la teoria che anima molti scenari di IA apocalittici. L’idea è che una volta costruito un computer più intelligente degli umani, la sua intelligenza crescerà esponenzialmente, e diventerà una grave minaccia per l’umanità. Se non programmiamo l’intelligenza artificiale con un’adeguata morale, dice la teoria, alla fine ci spazzerà via attraverso la malizia, l’incuria o la semplice indifferenza. Musk, che è anche la voce principale del film sulla superintelligenza, avverte che un tale sistema sarebbe diventato “un dittatore immortale dal quale non potremmo mai scappare”.

Questo può essere terribilmente eccitante, come ogni scenario di film d’azione basato sulla paura, ma è anche un riassunto incompleto e fuorviante di ciò che la comunità di IA crede su questo argomento. Sì, molti esperti riconoscono la possibile minaccia della superintelligenza, ma aggiungono rapidamente che la tecnologia che abbiamo adesso non è in grado di creare macchine consapevoli e che l’intelligenza artificiale potrebbe creare molti più pericolosi pericoli per la società, come la sorveglianza algoritmica e la sorveglianza automatica .

LA SUPERINTELLIGENZA NON DOVREBBE ESSERE RESPINTA, MA NON DOVREBBE NEMMENO METTERE IN OMBRA ALTRE PREOCCUPAZIONI
E sì, gente come Musk sostiene che la minaccia della superintelligenza merita ancora più attenzione perché è esistenziale(cioè, ha il potenziale per spazzare via l’umanità). Ma questo tipo di calcolo è utile principalmente in un ambiente accademico, dove la ricerca sulla superintelligenza ha stimolato un sacco di lavoro utile sulla sicurezza dell’IA. Nei media, dove l’attenzione è scarsa e fugace, le tattiche intimidatorie distorcono il dibattito e appiattiscono le molte sfumature nella discussione sulla superintelligenza.

È come finire un documentario sulla violenza nelle città dicendo: “Dimentica gli imbrogli, il tuo vicino potrebbe fare una bomba nucleare nel loro garage proprio adesso! “Potrebbe essere tecnicamente vero, ma non è particolarmente utile. Non c’è da meravigliarsi che gli scienziati su Twitter siano stati meno che lusinghieri su questo computer? descrivendolo come ” free-fear-mongering ” e una ” commedia veramente buona “.

Vale anche la pena notare che ti fidi di questo computer? suggerisce che la soluzione sia l’aumento degli umani con l’intelligenza artificiale, così da non rimanere “indietro”. Musk stesso ha fondato un’azienda basata su questa premessa. E anche se non c’è nulla di sbagliato nel fatto che Musk promuova qualcosa che supporti le sue teorie e interessi finanziari, suggerisce che il suo entusiasmo sia alquanto parziale.

Ti fidi di questo computer? usa molta grafica impressionante, ma mancano dettagli importanti.

Ti fidi di questo computer?dedica tempo a questioni importanti. Discute la possibilità che l’automazione del lavoro porti a una maggiore disuguaglianza e alluda alla grande abbondanza di dati raccolti su di noi da aziende come Facebook e Google. (Anche se questo ha molto poco a che fare con l’intelligenza artificiale e tutto ciò che riguarda i monopoli nel settore tecnologico.) C’è anche una sezione particolarmente interessante sulle armi autonome, che rende il punto deprimente ma spesso trascurato che, nonostante il nostro disagio riguardo alle macchine che fanno le decisioni sul campo di battaglia, le espedienti della guerra probabilmente annulleranno le obiezioni etiche. Nel documentario, PW Singer, scienziato politico, osserva che la guerra sottomarina senza restrizioni rivolta ai mercantili e alle petroliere è stata ritenuta irragionevole all’inizio del XX secolo, ma si è normalizzata dopo la seconda guerra mondiale.l’etica del combattimento con i droni e le armi autonome possono seguire lo stesso percorso.

Queste sezioni soffrono degli stessi difetti del resto del film: sono troppo brevi e troppo sensazionalisti. Ma la cosa frustrante è ciò che è stato omesso del tutto. Un’importante quantità di lavoro importante è attualmente in corso nell’intelligenza artificiale, esplorando le implicazioni etiche dell’integrazione dei sistemi di apprendimento automatico nella società. Questi sono argomenti importanti, come il modo in cui i set di dati distorti influenzano gli algoritmi decisionali utilizzati per la condanna penale e l’assunzione di lavoro. E anche se sono complessi, non sono difficili da comunicare. Quando un algoritmo sviluppato da Google per filtrare i commenti online dà l’affermazione “Io sono una donna di colore gay” una valutazione di tossicità dell’87%, anche i più generosi documentaristi dovrebbero essere in grado di esprimere il motivo per cui un’IA applicata male potrebbe essere preoccupante.

IL FILM IGNORA TROPPE PREOCCUPAZIONI INCREDIBILMENTE IMPORTANTI
È anche degno di nota il fatto che mentre gran parte di questo importante lavoro è svolto da donne – persone come Kate Crawford dell’IA Now institute e Joy Buolamwini della Algorithmic Justice League – il cast di teste parlanti in Do You Trust This Computer? è in modo schiacciante maschile. Dei 26 esperti presenti nel film, 23 sono uomini. Come ha sottolineato su Twitter il ricercatore della Microsoft AI, Timnit Gebru , questa è davvero “un’impresa difficile da raggiungere”, considerando la diversità di genere nel campo.

Il film non fa nulla per dissipare l’impressione che sia interessato solo a Uomini importanti che parlano di Idee importanti con il suo uso persistente di membri femminili del pubblico per illustrare l’ingenuità generale sui computer. In tutto il documentario, donne e bambini sono intervistati per strada, e i loro commenti rilassati e informali – come “Oh mio Dio, mi fido tanto del mio computer” – sono costantemente contrastati con la competenza assicurata degli uomini. Questo motivo (presumibilmente non intenzionale) dice di più sui pregiudizi e sull’influenza della società che il documentario stesso tenta di fare.

Ti fidi di questo computer? è difendibile in qualche modo. È coinvolgente, fantasioso e facile da guardare e attira l’attenzione su un argomento che avrà effetti reali e importanti su tutte le nostre vite. Ma sacrifica troppa complessità e dettagli per ottenere questo, ed è più fuorviante che informativo.

Paine anticipa questa critica. La sua sequenza di apertura drammatica presenta una clip da Terminator 2 , con un robot che calpesta un teschio umano. E poi il co-creatore di Westworld , Jonathan Nolan, dice che i media e Hollywood sono “fottuti” da “piangere un lupo abbastanza volte” per inoculare il pubblico contro la paura dell’IA. È diverso questa volta, ci assicura Nolan: la paura è reale e presente. Quindi inizia il film e iniziano le urla. “Lupo, lupo, lupo!”

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi