Home / AI tecnologia / Volvo e Aurora insieme per i camion a guida autonoma

Volvo e Aurora insieme per i camion a guida autonoma

Volvo e Aurora collaborano per commercializzare robot di grandi dimensioni

Il produttore di autocarri Volvo e la startup di guida autonoma Aurora stanno collaborando per commercializzare semilavorati autonomi in grado di gestire la guida in autostrada senza un essere umano al volante in mezzo a una raffica di alleanze nel settore degli autotrasporti.

La società svedese Volvo Autonomous Solutions ha scelto Aurora, con sede nella Silicon Valley, come partner tecnologico per creare i cosiddetti camion di livello 4 in grado di operare in un servizio che va da hub a hub sulle rotte commerciali in Nord America. Le società non stanno rivelando dettagli finanziari e Aurora afferma che ci vorranno alcuni anni prima che le unità commerciali siano in viaggio.

La partnership “porta il nostro obiettivo di trasporto come servizio un importante passo avanti e accelererà la nostra offerta commerciale per le applicazioni da hub a hub in Nord America”, ha affermato Nils Jaeger, presidente di Volvo Autonomous Solutions. Lo “stack integrato di guida autonoma, software, hardware e piattaforma di servizi dati di Aurora si combina per offrire un percorso chiaro verso soluzioni su strada efficienti e sicure a medio termine”.

La crescente domanda di servizi di autotrasporto negli Stati Uniti, una scarsa offerta di conducenti umani e un ambiente operativo relativamente più facile da padroneggiare, rispetto agli ambienti urbani, ha reso il trasporto robotizzato particolarmente attraente per le aziende tecnologiche autonome. Aurora, che all’inizio di quest’anno ha annunciato un’alleanza tecnologica con Paccar , si unisce a Waymo di Alphabet e alla startup TuSimple nella creazione di partnership con i giganti della costruzione di camion. Waymo e Daimler hanno collaborato lo scorso ottobre in un’alleanza che inizialmente si concentrerà sui camion a marchio Freightliner, mentre TuSimple, con sede a San Diego, sta lavorando con Navistar e altri marchi pesanti di proprietà del Gruppo Traton di Volkswagen .

Aurora ha rapidamente aumentato la sua spinta alle partnership da quando ha acquisito l’unità tecnologica a guida autonoma di Uber nel dicembre 2020, in una transazione interamente azionaria. Uber ha investito 400 milioni di dollari in Aurora al momento dell’accordo, portando la raccolta fondi di Mountain View, società con sede in California a oltre 1 miliardo di dollari. Guidati dall’ex capo del progetto di auto a guida autonoma di Google Chris Urmson, i fondatori di Aurora includono Sterling Anderson, che ha guidato lo sviluppo del sistema di pilota automatico di Tesla e Drew Bagnell, uno scienziato della Carnegie Mellon University ed ex dirigente di Uber.

“In qualità di partner tecnologico ufficiale di Volvo, svilupperemo un’offerta autonoma senza precedenti attraverso il Transport-as-a-Service di Volvo per supportare un servizio da hub a hub con uno dei produttori di autotrasporti commerciali più affidabili al mondo”, Anderson, che è il chief product officer di Aurora, ha affermato in un post sul blog. “I nostri camion opereranno in modo autonomo sulle autostrade tra gli hub per i clienti Volvo e i servizi andranno dalla logistica dei trasporti al supporto operativo, assistenza e manutenzione, supporto cloud (per la spedizione e il percorso) e altro ancora”.

Oltre a utilizzare il software e il sistema informatico abilitati all’intelligenza artificiale, i camion Volvo integreranno il lidar laser e il sistema di sensori di Aurora che, secondo l’azienda, possono rilevare e tracciare oggetti sulla strada a più di 300 metri di distanza .

Aurora non ha fornito dettagli sulle entrate che potrebbe ottenere dalla partnership con Volvo, così come il progetto precedentemente annunciato con Paccar, un programma di servizi di guida con Toyota e progetti futuri con Uber. La società strettamente controllata, che ha aperto un deposito a Dallas nel 2020 per i suoi sforzi di autotrasporti robotici, non ha nemmeno detto se sta prendendo in considerazione la quotazione in borsa tramite una fusione SPAC o una tradizionale IPO.

TuSimple ha detto questo mese che intende fare quest’ultimo, presentando una IPO Nasdaq che si terrà entro la fine dell’anno. Waymo, leader di lunga data nella tecnologia della guida autonoma, dovrebbe eventualmente abbandonare Alphabet come azienda autonoma.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi